(scorrere lo slider verso sinistra per vedere il dettaglio)

«Rimanete in me.»

Gv 15,4

Carmelitane

La sequela Christi, via al Padre, attraverso l’ascolto obbediente della sua Parola, nel cuore della Carmelitana è radicale esigenza, unico impegno e stile di vita, rispondente all’invito di Gesù: «Rimanete in me» (Gv 15,4), che nel Vangelo di Giovanni indica la reciproca appartenenza di Gesù e dei suoi discepoli, legame che costituisce un’unica sfera di vita sorretta dall’amore, proprio come la reciproca immanente relazione del Padre e del Figlio uniti nell’Amore.

Il “rimanere in” Cristo consente alla Carmelitana di cogliere l’essenza della presenza del Mistero e dilatare il proprio cuore secondo la misura del suo cuore di Figlio, per cui chi rimane nel suo amore – come il tralcio attaccato alla vite – gli diviene familiare e porta frutto. È questo l’impegno di ogni Carmelitana: vivere in intima unione con Gesù, alla presenza di Dio, docile all’ascolto della Parola del Signore, per lodarlo e celebrarne la bellezza, in unione con Maria, madre e sorella.

Menu contestuale

  • «Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto»
    Gv 15,7
  • «Io vi ho condotti in una terra che è un giardino, perché ne mangiaste i frutti e i prodotti»
    Ger 2,7
  • «Berrai dal torrente e i corvi per mio comando ti porteranno da mangiare»
    1 Re 17,4
  • «Nel deserto preparate la via al Signore, spianate nella steppa la strada per il nostro Dio»
    Is 40,3
  • «Chi potrà salire il monte te Signore? Chi potrà stare nel suo luogo santo?»
  • «Ti condurrei, ti introdurrei nella casa di mia madre; tu mi inizieresti all'arte dell'amore»
    Ct 8,2
  • «Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vita, così neanche voi se non rimanete in me»
    Gv 15,4
  • «Sorse Elia profeta, come un fuoco; la sua parola bruciava come fiaccola»
    Sir 48,1
  • «"Figlio dell'uomo... apri la bocca e mangia ciò che io ti do"... Io lo mangiai: fu per la mia bocca dolce come il miele»
    Ez 2,8-3,3
  • «Non vivo più io, ma Cristo vive in me»
    Gal 2,20
  • «Se davvero gli avete dato ascolto e se in lui siete stati istruiti, secondo la verità che è in Gesù, ad abbandonare con la sua condotta di prima, l'uomo vecchio che si corrompe seguendo le passioni ingannevoli»
    Ef 4,21-24
  • «Guadagnarsi il pane lavorando con tranquillità»
    2 Ts 3,12
  • «Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi»
    Gv 15,16
  • «Il viaggio continua...»
  • «Indossate l'armatura di Dio per poter resistere alle insidie del diavolo. La nostra battaglia infatti non è contro la carne e il sangue»
    Ef 6,11-12
  • «Stabilirò la mia dimora in mezzo a voi e non vi respingerò. Camminerò in mezzo a voi, sarò vostro Dio e voi sarete mio popolo»
    Lv 26,11-12
  • «Erano perseveranti nell'insegnamento degli apostoli e nella comunione, nello spezzare il pane e nelle preghiere»
    At 2,42
  • «Mio signore, se ho trovato grazia ai tuoi occhi,non passare oltre senza fermarti dal tuo servo»
    Gen 18,3
  • «Rimanete in me.»
    Gv 15,4
  • «Tutti questi erano perseveranti e concordi nella preghiera, insieme ad alcune donne e a Maria la madre di Gesù»
    At 1,14
  • «Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io ho amato voi.»
    Gv 15,12
  • «Fatevi dunque imitatori di Dio, quali figli carissimi»
    Ef 5,1
  • «Prendete il mio giogo sopra di voi»
    Mt 11,29
  • «La rivelazione delle tue parole illumina, dona intelligenza ai semplici»
    Sal 119,130